La pubblicita' aiuta Diamantesinelmondo.

mercoledì 15 aprile 2009

Come Ricostruire in un Paese civile. L’esempio di Manchester


Manchester, città che diede impulso alla Rivoluzione Industriale, è oggi un fervente centro culturale, con una scena musicale leggendaria, musei e collezioni d'arte di rilevanza internazionale. La città ha cambiato completamente aspetto grazie ad investimenti ed innovazioni, dopo che una bomba dell'IRA aveva distrutto buona parte del suo centro nel 1996. Sbalordisce la nuova architettura della città: tra gli edifici da non perdere l’Imperial War Museum North progettato da Daniel Liebskind, The Lowry, un’avveniristica costruzione in acciaio e vetro, che ospita due teatri e gallerie d’arte e l’Urbis, un costruzione che ospita mostre interattive sull’evoluzione delle città moderne. Un aspetto che conferisce a Manchester un carattere inconfondibile è la sua multietnicità, con i suoi mercatini, negozi asiatici e la Chinatown più estesa di tutta la Gran Bretagna. Ma Manchester è anche un vero e proprio regno dello shopping, che spazia dal vintage d'occasione alle creazioni più costose, oltre che un focolaio straordinariamente creativo per gli autori musicali. Da Herman's Hermits ai Bee Gees, dai Joy Division agli Smiths, dagli Happy Mondays al maestro DJ Mr Scruff e da The Stone Roses agli Oasis, la musica ha modellato la vita culturale di Manchester, continuando ad allevare nuovi talenti. Per cenare e dedicarvi alla vita notturna, potete decidere se restare nello stesso quartiere o trascinarvi da una zona all'altra, alla scoperta di bar alla moda a Castelfield, locali esclusivi a Didsbury, pub studenteschi in Oxford Road, o trasgressione nel Gay Village, lungo Canal street. E visto che ci siete, fate anche un salto all’Old Trafford, uno dei pochi stadi a 5 stelle. Questa è Manchester, dove in ogni angolo senti di esser proiettato verso un futuro, che riesci ad immaginare. Questa è Manchester, città dallo spirito libero, che offre ad ognuno ciò di cui ha bisogno. Questa da dove scrivo è invece l’Italia, dove la parola futuro assume sempre più il significato di un’incognita.

Nessun commento: