La pubblicita' aiuta Diamantesinelmondo.

mercoledì 21 ottobre 2009

Sindaci del cosentino in protesta a Roma


Forse ci si sta svegliando. Dopo le denunce di varie associazioni, comitati, giornalisti, è l'ora anche dei Sindaci. Mentre il governo sapeva della questione navi tossiche gia dal 2006 , mentre una popolazione subiva, in silenzio, forse qualcosa inizia a muoversi. Ieri, una delegazione di sindaci del Cosentino ha manifestato davanti al Parlamento a Roma (qui il video).I sindaci, che indossano la fascia tricolore, hanno inviato il governo a una formale diffida per chiedere la proclamazione dello stato di emergenza e un’azione incisiva, a sei settimane dall’individuazione della nave. Bisogna “spiegare al Paese di cosa si sta parlando quando si parla di questi rifiuti“, ha detto il sindaco di Diamante Ernesto Magorno. “La situazione in Calabria - afferma il deputato del Pd Franco Laratta - è molto grave. Non c’é più tempo da perdere. Sono 40 giorni che il Governo non dà risposte e non si muove. Adesso basta“.
In attesa della manifestazione di sabato. In attesa di un risveglio delle coscienze. Di tutti, calabresi e non.

Nessun commento: