La pubblicita' aiuta Diamantesinelmondo.

domenica 3 gennaio 2010

Mareggiate e passerelle



“La situazione che si è verificata in queste ore in diversi centri della costa tirrenica cosentina –ha dichiarato il Presidente della Provincia di Cosenza- si presenta con un carattere di grave eccezionalità. Strutture ed infrastrutture, pubbliche e private, sono andate letteralmente distrutte. In alcuni centri le onde hanno addirittura distrutto il lungomare e provocato danni gravissimi addirittura ad una clinica privata. Molte abitazioni private a ridosso del litorale sono state allagate e danneggiate e molte altre sono attualmente minacciate dalle onde. E’ una situazione gravissima che richiede un intervento immediato da parte della Regione e della Protezione Civile”.
Detto, fatto. Lunedì 4 gennaio, alle ore 16.30, a Diamante il Presidente della Giunta Regionale, l'On. Agazio Loiero, ed il Presidente della Giunta Provinciale, l'On. Mario Oliverio, incontreranno i Sindaci del tirreno cosentino in merito alla grave situazione verificatasi.

La situazione è preoccupante. Ma molto più importante è capire il perchè si debbano aspettare degli eventi per avere un intervento della regione. Le case (e non solo) sulla nostra costa sono costruite a 30 metri dal mare. Ricordiamolo questo come fenomeno che non riguarda infatti solo Diamante. E chiamiamolo come si deve: abusivismo edilizio. Bello che domani ci facessero sapere chi ha autorizzato negli ultimi trent’anni la costruzione di edifici in zone a rischio, chi non ha realizzato le opere che dovevano essere realizzate, chi ha "restaurato" i danni e come i fondi elargiti sono stati spesi e così via. E dalle prime parole di Oliverio si capisce che nomi non se ne faranno mai,le colpe saranno degli eventi imprevedibili e la solita e misera passerella istituzionale sarà servita a calmare le anime di un popolo già assopito per natura, regalando sogni di cartone ai più e finanziamenti a chi probabilmente non ne avrebbe il minimo diritto. Dopo il Presidente muratore, avremo probabilmente l'Onorevole carpentiere, che ci farà un lungomare nuovo di zecca per l'estate del 2010.
E fortuna che questa volta nessuno ci ha rimesso la pelle.

Nessun commento: