La pubblicita' aiuta Diamantesinelmondo.

venerdì 7 gennaio 2011

Commercio ed iniziative culturali. E’ necessario più equilibrio, più confronto e più organizzazione.

Si è fatto e si fa ancora un gran parlare del ritardo e dell’approssimazione con cui l’amministrazione comunale ha provveduto quest’anno ad illuminare strade e piazze in occasione delle festività natalizie. Riteniamo che il nocciolo della questione non siano le luci – pur simbolico ed importante omaggio alla Natività che ci fa infatti ritenere grave il ritardo dell’amministrazione in tal senso - ma che le luci stesse indichino in realtà un problema sociale, economico,commerciale, politico ed amministrativo ben più ampio. L’amministrazione comunale - e lo scriviamo con lo spirito costruttivo e produttivo con cui affrontiamo ogni argomento ed ogni discussione pubblica da molti mesi a questa parte – sembra spesso dare poca importanza alla programmazione preventiva delle iniziative culturali e di intrattenimento. Sembra, spesso, si dia - più in generale - poca importanza al lavoro di “promozione” delle iniziative e delle manifestazioni a carattere culturale o di intrattenimento che in una località turistica dovrebbe invece rivestire un’importanza vitale nonché alla necessaria concertazione con commercianti ed operatori a cui, nei fatti, non si dà la possibilità di contribuire- anche economicamente- e di partecipare intellettualmente ai cartelloni d’intrattenimento estivi o natalizi ed alle decisioni da cui gli stessi cartelloni scaturiscono. E’ preciso dovere dell’amministrazione comunale- come è un dovere di commercianti ed operatori quello di strutturarsi in solide e stabili associazioni di categoria - dar vita a quel “tavolo di concertazione permanente”-in grado di stimolare un’ampia discussione nel merito- con cittadini, commercianti ed operatori turistici che già nell’Aprile scorso chiedemmo attraverso le ormai note “Dieci domande all’amministrazione comunale sul porto” se si vuole davvero evitare di spendere delle cifre spropositate senza ottenerne poi nessun ritorno in termini di presenze turistiche e d’immagine e soprattutto se si vuole – come ha annunciato peraltro il Sindaco nel suo discorso di fine anno ai diamantesi – unire la città e – aggiungiamo noi - evitare che le iniziative dell’amministrazione- come è successo di frequente nel corso delle ultime festività natalizie- vengano percepite dalla gente come distanti e “chiuse” alla partecipazione ed alle proposte di quanti vorrebbero dare il proprio umile contributo sia in termini economici che decisionali e di programmazione. Abbiamo appreso – nel corso del Consiglio comunale del 27 Dicembre scorso- che la Giunta comunale con deliberazione n. 165 del 30 Novembre 2010 ha stanziato una complessiva somma di 12.000 Euro per il programma delle manifestazioni “Natale Insieme 2010”. Riteniamo che tale programma(pur contenendo alcune iniziative artistiche e culturali assolutamente meritevoli di attenzione e degne di nota) – non ne facciamo una questione di cifre e capitoli di spesa in questo caso ma di metodo - non abbia prodotto alcun beneficio né alcun ritorno di immagine e partecipazione alla nostra città ed alle attività commerciali in un momento in cui dovrebbe invece essere prerogativa delle pubbliche amministrazioni “tamponare” con idee, intuizioni, strategia ed organizzazione gli effetti negativi della crisi economica.

“Comitato per le dieci domande all’Amministrazione Comunale di Diamante sul porto”
Gruppo di discussione “Per una Diamante migliore”

Nessun commento: