La pubblicita' aiuta Diamantesinelmondo.

mercoledì 6 luglio 2011

La mia scelta.

Premesso che Il Comune rappresenta il livello più vicino al cittadino e l’istituzione a cui i cittadini si rivolgono, in cui si riconoscono e si identificano, esso deve ritornare ad essere un luogo attivo dove ogni giorno si svolge la vita di ogni singolo cittadino. Da ciò emerge il fatto che la forza propulsiva di tutto questo sta proprio nel legame tra Territorio e cittadino. Da qualche anno, a mio modesto avviso, non rivedo il nostro comune come quel luogo in cui quotidianamente si svolge la vita di ogni singolo cittadino (ma solo quella di POCHI). E ancora il Comune dovrebbe essere quello spazio PRIVILEGIATO in cui ogni cittadino vuole vivere in tranquillità e bene, sicuro di trovarvi sempre una Democrazia Partecipativa e una crescita sociale (che penso sia proprio l’intento del nostro Movimento)
Ecco perché penso che le elezioni comunali rappresentano, nel nostro sistema istituzionale, uno dei momenti di più alta partecipazione civica dei cittadini (non solo in termini di affluenza ai seggi). Noi tutti dovremmo essere orientati ad identificarci nel Comune in cui viviamo, ma così non è, almeno per me. Tutti dovremmo interessarci, proprio come ho avuto modo di constatare con i nostri incontri, in quanto chiamati ad una forte consapevolezza verso una più consapevole partecipazione diretta, al fine di migliorare l’attività amministrativa del nostro Comune, ed indirettamente al miglioramento della qualità della nostra vita. Facendo un resoconto sugli ultimi anni, personalmente, non ho visto fare nulla per il bene della collettività. Cosa questa che mi fa rabbrividire.
Gli organi politici e l’apparato amministrativo di un Comune “DOVREBBERO” avere come riferimento diretto e costante i cittadini, ai quali bisogna garantire la conoscenza, l’accesso alle prestazioni e la trasparenza delle decisioni che vuoi o non vuoi ricadranno sempre sulla Comunità. Pertanto, il dialogo permanente e continuo con i cittadini dovrà sempre essere un impegno prioritario. Solo con il dialogo e, soprattutto, attraverso L’ASCOLTO dei problemi della Comunità sarà possibile affrontare ogni situazione al meglio, offrendo quei servizi e quelle risposte che il cittadino esige e merita. Il tutto nel pieno della trasparenza, che dovrebbe rappresentare il principio-guida per tutta la macchina amministrativa, perché solo così potranno essere coinvolti tutti cittadini nelle scelte più importanti per il Comune. Da qui la necessità di dare risposte concrete ai cittadini e non solo semplici affermazioni di principio, che tutti sono in grado di fare ma non tutti sono in grado di mettere in pratica. Quando ho deciso di entrare a far parte del movimento “PER UNA DIAMANTE MIGLIORE”, lo fatto perché sentivo il bisogno di una strada nuova, il bisogno di una scuola nuova, e insieme si dovrà fare di tutto per costruirla; se sul territorio comunale c’è necessità di maggiore sicurezza, i cittadini devono poter essere sicuri, soprattutto nel luogo dove hanno scelto di vivere con la propria famiglia. Come tutti sapete non sono di Diamante, ma dopo 30 anni ritengo di esserlo diventato e mi fa davvero tanto male vedere che il Nostro PAESE è al collasso totale.
….. A proposito, ma …. Mi sembra di aver letto da qualche parte …. Che “Il comune è l’ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo”; e ancora (Articolo 13 del Testo Unico individua le funzioni del comune) “Spettano al comune tutte le funzioni amministrative che riguardano la popolazione e il territorio comunale, precipuamente nei settori organici dei servizi alla persona e alla comunità, dell’assetto ed utilizzazione del territorio e dello sviluppo economico, salvo quanto non si espressamente attribuito ad altri soggetti dalla legge statale o regionale, secondo le rispettive competenze”….. ma tutto questo vale anche per Diamante???
Ciao Ragazzi e lavoriamo sodo perché è in gioco il nostro FUTURO.
Giambattista Salerno