La pubblicita' aiuta Diamantesinelmondo.

mercoledì 14 dicembre 2011

Movimenti e precisazioni.









  

Ha ingenerato non pochi fraintendimenti nell’opinione pubblica un articolo, pubblicato su alcuni organi di stampa Domenica scorsa, che faceva riferimento alla costituzione di un nuovo movimento civico la cui denominazione ha creato facile confusione con le iniziative ed  i documenti che abbiamo prodotto nelle ultime settimane e che erano tutti legati al concetto di “cambiamento”. 
Scrivo questa nota perché ritengo sia giusto precisare che il Movimento Culturale “Per una Diamante migliore” ed i suoi componenti non hanno aderito né hanno contribuito a fondare alcuna altra formazione associativa. E’ giusto precisarlo perché gran parte della nostra credibilità e della fiducia che la gente ripone in noi sono legate ad un aspetto essenziale, il nostro gruppo è nato - fuori da ogni logica e da ogni tempistica elettorale - con le famose “10 domande all’Amministrazione sul porto”, abbiamo cominciato a lavorare e ad aggregare idee e persone in tempi quindi non sospetti e l’unica pretesa che abbiamo è il bene della collettività.
Giudicare gli altri non è nostro interesse ma fare sempre chiarezza su tutto e conservare la nostra trasparenza ha un significato fondativo. Il nostro approccio, libero da tatticismi ed ambizioni personali, si fonda su tre pilastri fondamentali che sono gli obiettivi di gruppo, il metodo ed i contenuti. Noi siamo una squadra perché solo lo spirito di squadra e la voglia di impegnarci per la nostra gente senza chiedere mai niente in cambio ci proteggono dalla vecchia e stagnante filiera dei personalismi e delle logiche di cordata.
La forzata frammentazione e le strumentali divisioni rappresentano, soprattutto in campagna elettorale, uno dei principali ostacoli al progresso della nostra comunità. Il frazionismo, quando non è mosso da giuste e legittime motivazioni, diventa esasperato motore di “guerre” che di politico hanno davvero poco e che hanno un unico e disastroso effetto, quello di tarpare le ali al rinnovamento che per imporsi avrebbe invece bisogno di coesione, lealtà e passione.

Nessun commento: