La pubblicita' aiuta Diamantesinelmondo.

venerdì 20 gennaio 2012

Pecore pensanti

In una nota si legge che l'assessore Gentile ha programmato un incontro con le diverse parti (Sindaco, impresa ecc) per discutere dell'argomento porto. Un argomento del quale, viene sempre sottolineato nella nota, si è ampiamente ed a spoposito parlato senza avere alcuna cognizione dei fatti reali. 



Questo e' vero. Perche' dei "fatti reali" nessuno ce ne ha parlato in maniera chiara. 

Quale desolazione infatti caro Assessore nel vedere quei lavori fermi da piu' di un anno.

Quale desolazione ascoltare dal nostro Sindado che i lavori sono partiti, ripartono, si rifermano e forse partono. Fino al punto che, non sapendo piu' cosa dire, si e' messo a scrivere le lettere anche lui per prender tempo e rendersi utile alla causa in qualche modo.

Quale desolazione sapere che ci sono i reperti di valore storico importantissimo (Dove stanno ora? Chi ce li ha mai mostrati?) o che ora c'e' il mare mosso, o che i massi da deporre devono essere speciali e fatti apposta per Diamante.

E quale desolazione apprendere che tutto questo e' costato 5 milioni di Euro. 5 milioni di sabbia,  pietre e lungaggini burocratiche  per ottenere la distruzione della scogliera che dominava la vista dal lungomare.

Abbiamo udito solo chiacchiere continue, come dicono lorsignori, utili a far fuggire chi a Diamante vuol investire o chi a Diamante vuole villeggiare. 

Abbiamo perso non 2 anni, ma un quinto di secolo, con il vostro modo di far politica. Una politica del rumore e delle promesse. Purtroppo per voi, i tempi dell'anello al naso son finiti. Adesso anche le pecore pensano. O almeno la maggior parte. 

PS: fateci vedere le fatture di quei 5 milioni di euro. Hai visto mai che lo spread abbia colpito anche i materiali per l'edilizia senza che lo sapessimo.



19 commenti:

Anonimo ha detto...

Queste imprese guadagnano più di Berlusconi, solo per mettere massi e cemento! Bisognerebbe lavorare nell'edilizia!!! In ogni caso basta fare una passeggiata fino al Comune e le cifre sono consultabili non è quello il problema, era un problema consultarle diverso tempo fa'..quando i soldi venivano stanziati ma non c'era manco un sassolino spostato per costruire il porto. Il punto è: credere che un porto in Calabria te lo facciano costruire in quattro e quattr'otto a meno che non ci sia la malavita dietro...è possibile? Per fortuna Diamante ancora non è afflitta da questo male!

DiamantesiNelMondo ha detto...

Non ho ben capito il senso del commento. Io credo che ogni struttra debba esser
1)programmata
2)progettata
3)realizzata

con tempi e modi (spese) conosciute. Non solo in Italia, ma anche e specialmente in Calabria. Se non ci si riesce, qualcuno ne e' reesponsabile. Perche' a Diamante c'e' gente che vive anche di porto, pesca e turismo.

Anonimo ha detto...

Il programma s'include nel progetto (chiamala pure fase 1).
I progetti costano parecchio (forse perchè è troppo complicato farli, non so, ma tra ingegneri, architetti, tecnici, analisi del territorio, approvazioni, test, risultati dei test, inconvenienti non preventivati, mareggiate, seconde mareggiate, proteste, periodo di riproduzione della flora sott'acqua, inceppi alla prosecuzione dei lavori a causa del ritrovamento di anfore - che non pare siano di interesse particolare tanto da stanziare fondi per il loro ripescaggio - e menomale!!!- a meno che qualcuno delle centinaia di pescatori/sub di cui siamo colmi e che finora le aveva ignorate non voglia prenderle a suo carico.. Insomma, che sia passato un annetto pieno non mi stupisce. Mi stupirebbe se già fossimo a metà dei lavori, in un territorio che è quello che è.
Un territorio dove con un porto del genere ( 310 posti barca, rifacimento passeggiata e locali sottostanti il lungomare, ecc ecc), quasi sicuramente, la malavita avrebbe messo mano per i propri interessi, riciclaggi di denaro, sub-appalti. Quasi sicuramente sarebbe "realizzato" a ca..volo, e te lo devi pure tenere com'è! E magari dopo 2 anni è tutto da restaurare per non rischiare di perderlo a pezzi.
Quando ci sono stanziamenti pubblici ci vuole tempo, quando questi finiscono ci vuole ancora più tempo per averne altri. A volte non arrivano più!
La provincia non è un bancomat. Quando ti finiscono i soldi nel portafoglio vai al bancomat e in 2 minuti hai quello che ti serve, certo ogni tanto in quello sportello li devi pure versare i soldi.
Con le opere pubbliche spendi quello che c'è, finiscono sempre troppo presto.
Io non posso andare il 25, ma andrei a sentire volentieri con le mie orecchie cosa verrà detto. Andrei a Cetraro a chiedere quante volte hanno sospeso i lavori quando hanno fatto quel bel porto, quanto è costato. Giusto per rendermi conto.
Allo stesso modo, se ho voglia di sapere quale sia il progetto, come siano suddivise le spese, devio dal lungomare, arrivo a piedi fino al Comune e vado a vedere quanto ci ha regalato la provincia. Così come penso che abbiano fatto quelle "persone che vivono di porto" come dici tu (anche se fin'ora un porto non c'era, ma c'era Di Falco che gestiva, non a livello pubblico, le barche di pochi e la Nautica quelle altre). Sì, c'è gente che vive di turismo, spero saprà migliorare con il porto e che si stia preparando ad accoglierlo.
Hai scritto, immagino a titolo esemplificativo, 3 punti. Sappiamo bene che ce ne sono degli altri se no sarebbe una passeggiata. Il punto 3 mi pare il minimo anche se la maggior parte delle volte non risulta. E' più probabile che si realizzino opere abusive che non opere legalmente approvate (chiediti perchè!)
Però partecipando e andando in sede tante domande trovano risposta, perchè internet non può contenere tutto.
O quasi: tipo se usi google e scrivi porto Diamante, qualcosa sul punto 1) e 2) lo trovi tipo : http://www.italianavigando.it/site/itanav/home/rete-dei-porti/porti-in-costruzione/diamante.html e non ho approfondito la ricerca..tanto lunedì il Comune è aperto e faccio prima.

Anonimo ha detto...

Il programma s'include nel progetto (chiamala pure fase 1).
I progetti costano parecchio (forse perchè è troppo complicato farli, non so, ma tra ingegneri, architetti, tecnici, analisi del territorio, approvazioni, test, risultati dei test, inconvenienti non preventivati, mareggiate, seconde maregiate, proteste, periodo di riproduzione della flora sott'acqua, inceppi alla prosecuzione dei lavori a causa del ritrovamento di anfore - che non pare siano di interesse particolare tanto da stanziare fondi per il loro ripescaggio - e menomale!!!- a meno che qualcuno delle centinaia di pescatori/sub di cui siamo colmi e che finora le aveva ignorate non voglia prenderle a suo carico.. Insomma, che sia passato un annetto pieno non mi stupisce. Mi stupirebbe se già fossimo a metà dei lavori, in un territorio che è quello che è.
Un territorio dove con un porto del genere ( 310 posti barca, rifacimento passeggiata e locali sottostanti il lungomare, ecc ecc), quasi sicuramente, la malavita avrebbe messo mano per i propri interessi, riciclaggi di denaro, sub-appalti. Quasi sicuramente sarebbe "realizzato" a ca..volo, e te lo devi pure tenere com'è! E magari dopo 2 anni è tutto da restaurare per non rischiare di perderlo a pezzi.
Quando ci sono stanziamenti pubblici ci vuole tempo, quando questi finiscono ci vuole ancora più tempo per averne altri. A volte non arrivano più!
La provincia non è un bancomat. Quando ti finiscono i soldi nel portafoglio vai al bancomat e in 2 minuti hai quello che ti serve, certo ogni tanto in quello sportello li devi pure versare i soldi.
Con le opere pubbliche spendi quello che c'è, finiscono sempre troppo presto.
Io non posso andare il 25, ma andrei a sentire volentieri con le mie orecchie cosa verrà detto. Andrei a Cetraro a chiedere quante volte hanno sospeso i lavori quando hanno fatto quel bel porto, quanto è costato. Giusto per rendermi conto.
Allo stesso modo, se ho voglia di sapere quale sia il progetto, come siano suddivise le spese, devio dal lungomare, arrivo a piedi fino al Comune e vado a vedere quanto ci ha regalato la provincia. Così come penso che abbiano fatto quelle "persone che vivono di porto" come dici tu (anche se fin'ora un porto non c'era, ma c'era Di Falco che gestiva, non a livello pubblico, le barche di pochi e la Nautica quelle altre). Sì, c'è gente che vive di turismo, spero saprà migliorare con il porto e che si stia preparando ad accoglierlo.
Hai scritto, immagino a titolo esemplificativo, 3 punti. Sappiamo bene che ce ne sono degli altri se no sarebbe una passeggiata. Il punto 3 mi pare il minimo anche se la maggior parte delle volte non risulta. E' più probabile che si realizzino opere abusive che non opere legalmente approvate (chiediti perchè!)
Però partecipando e andando in sede tante domande trovano risposta, perchè internet non può contenere tutto.
O quasi: tipo se usi google e scrivi porto Diamante, qualcosa sul punto 1) e 2) lo trovi tipo : http://www.italianavigando.it/site/itanav/home/rete-dei-porti/porti-in-costruzione/diamante.html e non ho approfondito la ricerca..tanto lunedì il Comune è aperto e faccio prima.

Anonimo ha detto...

http://www.marinadidiamante.it/progetto/

Anonimo ha detto...

Il programma s'include nel progetto (chiamala pure fase 1).
I progetti costano parecchio (forse perchè è troppo complicato farli, non so, ma tra ingegneri, architetti, tecnici, analisi del territorio, approvazioni, test, risultati dei test, inconvenienti non preventivati, mareggiate, seconde maregiate, proteste, periodo di riproduzione della flora sott'acqua, inceppi alla prosecuzione dei lavori a causa del ritrovamento di anfore - che non pare siano di interesse particolare tanto da stanziare fondi per il loro ripescaggio - e menomale!!!- a meno che qualcuno delle centinaia di pescatori/sub di cui siamo colmi e che finora le aveva ignorate non voglia prenderle a suo carico.. Insomma, che sia passato un annetto pieno non mi stupisce. Mi stupirebbe se già fossimo a metà dei lavori, in un territorio che è quello che è.
Un territorio dove con un porto del genere ( 310 posti barca, rifacimento passeggiata e locali sottostanti il lungomare, ecc ecc), quasi sicuramente, la malavita avrebbe messo mano per i propri interessi, riciclaggi di denaro, sub-appalti. Quasi sicuramente sarebbe "realizzato" a ca..volo, e te lo devi pure tenere com'è! E magari dopo 2 anni è tutto da restaurare per non rischiare di perderlo a pezzi.

Anonimo ha detto...

Quando ci sono stanziamenti pubblici ci vuole tempo, quando questi finiscono ci vuole ancora più tempo per averne altri. A volte non arrivano più!
La provincia non è un bancomat. Quando ti finiscono i soldi nel portafoglio vai al bancomat e in 2 minuti hai quello che ti serve, certo ogni tanto in quello sportello li devi pure versare i soldi.
Con le opere pubbliche spendi quello che c'è, finiscono sempre troppo presto.
Io non posso andare il 25, ma andrei a sentire volentieri con le mie orecchie cosa verrà detto. Andrei a Cetraro a chiedere quante volte hanno sospeso i lavori quando hanno fatto quel bel porto, quanto è costato. Giusto per rendermi conto.
Allo stesso modo, se ho voglia di sapere quale sia il progetto, come siano suddivise le spese, devio dal lungomare, arrivo a piedi fino al Comune e vado a vedere quanto ci ha regalato la provincia. Così come penso che abbiano fatto quelle "persone che vivono di porto" come dici tu (anche se fin'ora un porto non c'era, ma c'era Di Falco che gestiva, non a livello pubblico, le barche di pochi e la Nautica quelle altre). Sì, c'è gente che vive di turismo, spero saprà migliorare con il porto e che si stia preparando ad accoglierlo.

Anonimo ha detto...

Hai scritto, immagino a titolo esemplificativo, 3 punti. Sappiamo bene che ce ne sono degli altri se no sarebbe una passeggiata. Il punto 3 mi pare il minimo anche se la maggior parte delle volte non risulta. E' più probabile che si realizzino opere abusive che non opere legalmente approvate (chiediti perchè!)
Però partecipando e andando in sede tante domande trovano risposta, perchè internet non può contenere tutto.
O quasi: tipo se usi google e scrivi porto Diamante, qualcosa sul punto 1) e 2) lo trovi tipo : http://www.italianavigando.it/site/itanav/home/rete-dei-porti/porti-in-costruzione/diamante.html e non ho approfondito la ricerca..tanto lunedì il Comune è aperto e faccio prima.

Anonimo ha detto...

Mi sembra surreale tutto questo sproloquio per spiegare una situazione di stallo perenne incomprensibile! Non mi convince per nulla.

Un'opera pubblica si programma e pianifica nei suoi aspetti tecnici, giuridici, gestionali. Ivi comprese misure correttive per gli imprevisti.

E'la qualità del progetto (inteso nel suo senso lato di disegno, finanziamento e gestione) e degli attori che ne prendono parte a determinare una discriminante!
I soldi che non arrivano, la Regione che non eroga, i compensi dei professionisti, la possibilità di influenze criminali...
Sono cazzate che ci raccontiamo alle quali poi solo i fessi credono!
Non abbiamo l'anello al naso caro Anonimo

Quelle che tu adduci mi appaiono più scuse ammantate da finto buon senso popolano!

Con affetto, Anonimo

Anonimo ha detto...

Deduco che tu non abiti questa terra se credi che le cose non vadano MAI così o che non sei qui per constatare che alle parole dette corrispondano dei fatti e tu possa opporti PRONTAMENTE anzichè lasciare che passi questa "situazione di stallo perenne incomprensibile!".
Deduco che tu sappia bene come si costruiscono opere pubbliche o grandi opere, quali siano gli iter o i "reali" motivi che spingono l'impresa a non continuare i lavori.
Deduco, da come esprimono le tue parole inquisitorie, che tu conosca fatti specifici tali da spiegare la situazione e allora non vedo perchè tenertela per te, perchè non condividerla così che le persone interessate possano monitorare costantemente i tuoi dubbi anche in tua assenza. Ovviamente le mie deduzioni sono ironiche.
Non c'è niente di finto nelle mie parole e non si tratta di buon senso. Informati, guardati intorno, ascolta le spiegazioni che ti vengono date, controllale, conosci gli attori coinvolti, abita la tua terra e non avrai dubbi sul fatto che la realizzazione di questo porto convenga a tutti! Quindi " Se non ci si riesce, qualcuno ne e' reesponsabile"-come hai scritto- e allora potevate scrivere VOI direttamente a Gentile e Santoro come comitato cittadino, perchè non lo avete fatto? Forse non avete tutti questi consensi popolari nelle vostre iniziative e i vostri concittadini che raffigurate con delle pecore hanno solo l'anello al naso (come le mucche) e sono totalmente disinteressate da ciò che accade??? Io non credo.

DiamantesiNelMondo ha detto...

Siamo gli unici a parlarne. Siamo gli unici a chiedere spiegazioni (lo abbiamo fatto dallo scorso anno sul lungomare con un incontro pubblico, quando uscimmo con le 10 domande sul porto), siamo gli unici a chiedere una commissione porto e dei consigli comunali aperti. Probabilmente non tutti viviamo a Diamante, ma viviamo la vita del paese molto piu di te, che non hai neanche il coraggio di firmarti.

Pierpaolo

Anonimo ha detto...

Caro anonimo, perdonami ma il tuo giochino non regge.

1) Il Movimento, da due anni e non certo da ieri, si occupa di porto snocciolando e citando atti, fatti, argomenti e responsabilità ben precise che hanno dimostrato e dimostrano come anche e soprattuttol'amministrazione Comunale abbia enormi responsabilità visto che non crea gli strumenti utili a fare chiarezza(Commissione Consiliare, Consigli Comunali aperti) e non utiliza gli strumenti utili a fare chiarezza(Tavolo Tecnico...istituito a mezzo specifica Convenzione con la Regione calabria nel Gennaio del 2009). Lo abbiamo sempre scritto e detto con correttezza, educazione e grande senso di civiltà e di comunità.

2) Perchè dovremmo chiedere conto ad un privato imprenditore? Cosa potrebbe aver fatto di male? Noi siamo cittadini e sono le istituzioni a doverci rappresentare, il privato imprenditore fa il suo mestiere e cerca il suo legittimo profitto e potrebbe anche decidere di non investire più i suoi soldi a Diamante, molto smeplicemente se non adempie al suo dovere le istituzioni sono tenute a metterlo in evidenza e ad uscire dal tragicomico stallo in cui siamo.

3) Pierpaolo nella sua nota ha semplicemente chiesto a chi di dovere di non trattare NOI come...pecore e non ha offeso nessuno. Sta semplicmeente chiedendo rispetto per i diamantesi! Stà tranquillo...con noi la solita e vecchia macchina del fango non funziona...lo abbiamo già dimostrato diverse volte :-)

4) Stai sempre a parlare dei nostri consensi...mica avrai paura di noi con tutti i mezzi che sicuramente avrai a disposizione? Mi deluderesti...

5) Faresti bene a dire ai diamantesi un'altra cosa per correttezza...tu e i tuoi superiori(non ti esponi, non hai carattere, ti nascondi, presumo tu sia una persona debole che ha bisogno di essere "comandata" da soggetti "superiori"...dimostrami il contrario...) il porto non lo volete(sembra che quasi ti faccia piacere il blocco dei lavori...perdona la provocazione...), sembra quasi che ti faccia comodo tenerci nel bisogno, nel disagio, nelle ristrettezze economiche... Mi sto sbagliando? Ti prego di smentirmi adducendo argomentazioni valide e credibili.

P.S. Perdonami anonimo per le ipotesi che ho fatto sulla natura politico-sociale della tua opinione ma, devi capirmi, se rimani al buio posso solo ipotizzare...a te tocca smentirmi...senza maschera però...

P.P.S. Io ci metto la faccia.

Antonio Cauteruccio

Anonimo ha detto...

Please fly down !!! Sono una pecora disoccupata senza padroni nè superiori. Una "pecora pensante" e quello che hai scritto a mio titolo, io non l'ho scritto di certo!!! A meno che, nel frattempo, hai preso una laurea in para-psicologia tale da poter fare una diagnosi sulla personalità e sullo stato mentale della mia persona(ahahah ma come ti viene in mente?). Fà sorridere il pensiero che tu abbia potuto pensare che una persona (speri in carica ?) da cui non ricevi risposte "chiare" possa mai risponderti su questa pagina! Così esci solo fuori argomento e diventa tutto alquanto noioso e banale. Già visto e rivisto e non interessa a nessuno. Si dovrebbero mettere in discussione i pensieri e non le persone nei topic. Ci puoi mettere anche il/lo/la, le mani,le tasche, le scarpe quello che vuoi. Tu scrivi: "siamo l'unico gruppo politico che si batte pubblicamente" e anche "Noi siamo cittadini e sono le istituzioni a doverci rappresentare" (???) in effetti è in linea con "Il clamore deriva dai vostri silenzi" e "Siamo gli unici a parlarne" [...] di P. Mettiamola così: speravo foste un po' più attivi e non parlaste soltanto. Per cui, pourparler, anche quando assumo, da privato, un'impresa per realizzare un'opera a casa mia (tipo alzare un muro) e questa non rispetta i tempi di realizzazione può incorrere in una penalità, dipende da ciò che è scritto nel contratto... Quanto meno per non perdere i soldi oltre al tempo perso. Vedremo e sentiremo il 25 che diranno...magari facciamo le nostre domande con dei cartelli, così se le risposte non sono convincenti glieli tiriamo dietro.

Anonimo ha detto...

Basterebbe metterci la faccia...e leggere tutto quello che, con precisione e passione, abbiamo scritto e detto finora.

Antonio Cauteruccio

DiamantesiNelMondo ha detto...

Io non ho ancora capito dove vuoi andare a parare. Quel che contesto nella nota e':

1) I toni usati da Gentile, secondo il quale si e'parlato troppo del porto ed a sproposito

2) La malapolitica dei nostri politici, capaci di non dare risposte o certezze

3) Il resto lo vedi da te, affacciandoti dal lungomare. Da un anno, e' sempre uguale

Poi hai fatto solo tu, un bel monologo. Un sacco di parole. Tuttavia, se vuoi aiutarci, aspettiamo il 25, poi usciamo con i manifesti, coi cartelloni o con quello che vuoi tu. Sai dove o come trovarci. Io un porto non lo so fare, ma ho idea precisa di quello che vorrei si facesse.

Pierpaolo (firmati la prossima volta, difficile discutere con una pecora senza nome e faccia).

Anonimo ha detto...

FINALMENTE VI SIETE DICHIARATI GRUPPO POLITICO O SBAGLIO???? QUINDI ANCHE VOI PUNTATE SOLO ALLE POLTRONE DEL COMUNE......

non ho parole... anzi voi fate solo ...........

Anonimo ha detto...

cari diamantesi, dite di conoscerte a fondo il rogetto e l'appalto ed invece non sapete niente. Non avete letto l'appalto e si vede leggendo le vostre incocludenti accuse alle "isituzioni". Parlate chiaro se avete letto l'appalto. LA REGIONE CALABRIA, scavalcando, grazie al sindaco dell'epoca Caselli, il Comune, ha appaltato l'opera direttamente ad un privato che in questo caso ha un nome ed un cognome Santoro. Questa persona, innominabile per voi, non E' UN IMPRENDITORE NAUTICO. Non ha esperienza di costruzione di porti, nè di nautica. Questo privato è un FARMACISTA, PRESIDENTE DEI FARMACISTI CALABRTESI, non è Presidente dei NAUTICI calabresi. Per lui partecipare all'appalto è stato solo un modo di ricevere finanziamenti da parte della regione grazie alla sua amicizia allora, con l'ass. ADAMO. Questo vuol dire che NON CI CAPISCE UNA MAZZA SU COME SI COSTRUISCE UN PORTO. Il Comune di Diamante per colpa del sindaco di allora Caselli non risulta in nessun modo ! Per cui bisogna elevare proteste alla REGIONE ed al dott. SANTORO. Loro devono dire che intenzioni hanno, loro devono dire come hanno speso fino ad ora i soldipubblici e soprattutto il privato dott. santoro deve dire che intenzioni ha. Aspetta altri soldi promessi dall'ass.Gentile ?

Anonimo ha detto...

@Pierpaolo: quando scrivono gli anonimi significa che la nota ha colpito!! :-) Ottimo.

Antonio Cauteruccio

Anonimo ha detto...

si a mammmmmmmmmmmmeta ha colpito